Archive for the ‘twitter’ Category

La ricerca di lavoro corre su Twitter.

marzo 12, 2009

Twitter, il sistema di microblogging a 140 caratteri sta vivendo una grande crescita, come dimostra il grafico prodotto  da Compete

tw1

e cominciano ad essere numerose le ricerche di personale, per ora quasi esclusivamente all’estero, che vengono introdotte attraverso questo canale. E’ una modalità veloce, gratuita e che ha il vantaggio, per  certe professionalità, di applicare un’ottima scrematura alla fonte:  se rispondi a un annuncio su Twitter sei sicuramente addentro alle dinamiche e ai linguaggi della Rete.

Per ricercare tra le offerte, uno strumento piuttosto valido è Twitter Search Si imposta la ricerca con le parole chiave relative alla posizione di interesse, ad es. “marketing manager”, “web designer”, ecc. e si possono vedere i risultati sul web, aggiornati in tempo reale, o abbonarsi ai feed della ricerca e leggere comodamente i risultati nel proprio feed reader.

Pare però che tra pochi giorni sarà disponibile uno strumento dedicato, realizzato dagli stessi sviluppatori di Twitter: TwitterJobSearch

tjs

per il momento è una pagina di “coming soon”, pare si possano filtrare le inserzioni per tutto il mondo, Stati Uniti e Gran Bretagna, ma per saperne di più dobbiamo aspettare ancora 5 giorni.

Twittervision, voci dal mondo.

marzo 20, 2007

Una nuova applicazione mash-up, Twittervision, prende gli ultimi messaggi inviati via twitter e li posiziona sulle mappe di Google. Affascinante e ipnotico.

La settimana blogosferica (12 – 18 marzo)

marzo 19, 2007

Twitter, twitter e ancora twitter, è tutto un cinguettio.

Polemica Carlini-blogger come se piovesse.

Ma perchè le aziende aprono sedi su SecondLife?

La twittermania dilaga e impazza.

marzo 14, 2007

Ne avevo parlato con un po’ di scetticismo, ma l’uso di Twitter pare aumentare a velocità impressionante e nella blogosfera se ne scrive molto.
Alla recente SWSX conference a Austin, Texas, Twitter è emerso prepotentemente come il tool del momento, con una propagazione virale per numero di utenti e di messaggi scambiati (vedi qui).
Chi lo usa per fare microblogging, chi semplicemente per “esserci”, chi si interroga sui limiti dell’attenzione umana.
Quando qualcuno  chiede un esempio di applicazione pratica e utile di Twitter, la migliore risposta che ottiene è che potrebbe essere utilizzato in caso di terremoto (comprensibile per chi vive sulla faglia di S. Andrea in attesa del Big One).
Ma Robert Scoble, uno dei più famosi blogger americani e grande utilizzatore di Twitter dice: “Big revolutions always start with the stupidest small things.”
Una storia da seguire con attenzione.

Twitter o la sublimazione del reality show.

gennaio 14, 2007

Ecco l’ultima moda dei vip, very internet people, dilagata in Italia nelle ultime vacanze di Natale: Twitter.
E’ un’applicazione web che serve a far sapere agli amici oppure al mondo cosa stai facendo in un certo momento della giornata. Cioè tu ti iscrivi al servizio via web, poi ti colleghi e scrivi, in un massimo di 144 caratteri, quello che stai facendo. Il tuo messaggio viene visualizzato sulla tua pagina, come in un blog, ma anche inviato sull’Istant Messenger e sul cellulare, sotto forma di SMS, a tutti coloro che si sono iscritti come tuoi followers. Allo stesso modo tu ricevi i messaggi di tutti coloro che hai inserito nella tua lista di friends.
A parte che, in questi giorni di lontananza dall’ufficio causa inserimento all’asilo del bimbo, mi immagino una emozionante lista di messaggi del tipo:
bimbo ha fatto cacca addosso, corro a cambiarlo (47 caratteri),
oddio, ho dimenticato di fare la spesa, e adesso cosa faccio per cena (70) (beh , 144 caratteri non sono neanche pochi)
mi viene spontaneo chiedermi: e chi se ne frega?
In realtà pare che il gioco sia, almeno all’inizio, molto divertente e sviluppi addirittura una forma di semi-dipendenza che può incidere sensibilmente sulla produttività (tra leggere tutti i messaggi che arrivano e scrivere i propri, il tempo vola via che non te ne accorgi). Chissà, magari provo…

Ecco alcuni blog che ne parlano in modo interessante:
http://paolo.evectors.it/italian/2007/01/02.html
http://www.bolsi.org/bolsoblog/2007/01/05/malato-di-twitter
http://im.digitalhymn.com/2007/01/05/twitter-i-blog-e-lutilita/